Genitori e figli, nel rapporto la memoria aiuta


bambini in cucina

Sono passati 10 giorni dalla fine di #Promessamantenuta, e le ragazze tengono abbastanza il passo. Certo non perfettamente, ma sono riuscite a fare un po’ più loro delle incombenze domestiche e quotidiane.

Da parte mia, cerco di ritagliarmi sempre quei micro momenti per stare insieme, considerando che io sto fuori tanto per lavoro e non solo: sì certo, esco e viaggio anche per puro piacere e lo faccio senza sentirmi in colpa. Come spesso dico, preferisco che si lamentino della mia assenza, piuttosto che si sentano in dovere di stare in casa per farmi compagnia.

Spesso mi è capitato di fare il confronto con il mio passato, di cui non ho mai fatto segreto con la mia famiglia: a 12 anni ero totalmente coinvolta nelle pulizie domestiche, andavo a fare piccole spese e stagionalmente facevo anche cose come pitturare le ringhiere dei balconi, con tanto di antiruggine +2 mani di smalto, e forse è per questo che la cosa che mi rilassa di più oltre a impastare è verniciare.
Eh no, non erano esercizi del tipo cinematografico come “togli la cera, metti la cera”, se ve lo state chiedendo. Andavo a scuola, ma non facevo il tempo pieno, e i giochi in cortile erano il miraggio pomeridiano, dopo aver assolto tutti i miei doveri. È stato un buon modo per rendermi responsabile e veloce.

A diciassette anni, vivevo da sola e non ho quindi avuto problemi nella gestione della casa. Pagavo anche le bollette, intestate ad un altro, e certamente solo se abbondantemente scadute. Lavoravo, e avevo smesso di studiare. Per fortuna che la curiosità e la lettura, hanno almeno un po’ sopperito a quest’ultima cosa.

Le mie figlie (14 e 19 anni ndr) riordinano poco la loro stanza, sono finalmente un po’ più attente nel distribuire tutto ciò che usano in ogni dove e si occupano di svuotare la lavastoviglie, apparecchiare, sparecchiare e dar da mangiare ai gatti. Fanno la spesa quotidiana, organizzandosi con gli impegni scolastici e si smazzano, in primis la maggiorenne, anche di provvedere a recupero documentazione e commissioni di natura più burocratica.

Ovvio che il confronto con il mio passato non regge perché il contesto è diverso, ma credo sia assodato che la nostra generazione di genitori, ha uno strano pudore nel chiedere la collaborazione dei figli nelle attività quotidiane a vantaggio di tutta la famiglia, la prima vera comunità a cui partecipano i bambini. Gli stessi diventeranno grandi e frequenteranno altre comunità come la scuola, le sedi di lavoro e un giorno neanche molto lontano, andranno anche a votare perché saranno cittadini e parte di una comunità ampia detta “Stato”.

Un pudore che mi fa quasi pensare a come se lo considerassimo “lavoro minorile” e gli stessimo chiedendo di andare a scavare in miniera…
Non potremmo rimettere le cose al giusto posto e riconsiderarla semplice educazione, per renderli autonomi e capaci di convivere nella società?

Si comincia da piccoli, anzi da piccolissimi e ha molto a che fare con l’empatia: dovrebbe far scattare il famoso “È bello fare qualcosa per gli altri, a partire da quelli a cui vuoi bene, perché mi piace quando fanno qualcosa per me”

Vabbè, nel frattempo che ci riflettiamo, facciamoci ispirare dai bambini nordici di cui foto sopra…

Io la mia #PromessaMantenuta l’ho portata a termine, con il riempimento a tappo del calendario dell’avvento di #Kindercereali e il resto 😉

E poi si sa, il bastone e la carota funzionano 😉

Blanca e #promessamantenuta inoltrata

Schermata 2015-12-11 alle 19.34.51

 

Mamma, anche tu hai perso le chiavi!

blanca zamperini paola sucatoEssere genitori non è facile.
Essere genitori single non è facile.
Essere genitori senza aver avuto un saggio insegnamento da parte dei propri genitori è ancor più difficile.

Ma le difficoltà devono essere solo un’ottima motivazione per trovare delle buone soluzioni.

Qualche giorno fa, all’ennesimo “Com’è possibile che non ti ricordi come hai speso i soldi che ti ho dato l’altro giorno?!” (Corredate ovviamente la frase con il tono cavernicolo del genitore a cui è partito l’embolo…) Continue reading

Patti chiari, amicizia lunga” – #PromessaMantenuta

Zamperini Family

“Patti chiari, amicizia lunga”, si diceva una volta, e credo valga ancora perfettamente ai tempi degli amici di Facebook. Ma adesso vi spiego perché lo sto sostenendo in questo momento.

Da ormai due anni la nostra famiglia è composta così:
Blanca, attualmente 14 anni – Figlia minore
Rebecca, attualmente 19 anni – Figlia maggiore
Paola, attualmente 47 anni – Madre e unico genitore

E ci siamo iscritti al progetto #PromessaMantenuta di Kindercereali.it. 

Come mai?
Perché da anni parlo sul blog anche dell’impegno al femminile all’interno della famiglia e se capita, ci scappa anche un intervento ad un barcamp/momcampContinue reading

Open BioMedical Initiative vince il FunkyPrize

La Giuria del FunkyPrize si è espressa: Bruno Lenzi e Open Biomedical Initiative ha emozionato e convinto tutti.

guardate qui e capirete.

funkyprize premio open biomedical initiative

Ho voluto aspettare oggi per comunicarvelo, scusate il ritardo, ma domani sarà una data speciale. Marco ci manca e ci accompagna da altri luoghi da esattamente due anni.

È stato bellissimo ricevere così tante candidature, potervele raccontare in un momento in cui c’è bisogno di idee, azioni e di ottimismo. Era quello che cercavamo, e in fondo questo premio serve a questo, a continuare la ricerca che Marco ci ha insegnato e che c’impone di non dimenticare.

Ho la presunzione di dire che anche al secondo anno, Marco ha ispirato e guidato la selezione e la scelta. Nulla capita mai per caso, e le coincidenze sono sacre, anche se non se ne distinguono spesso le motivazioni e i confini.

C’è tutto il pensiero FunkyPrize 2015 su questo progetto:

  1. Il digitale deve migliorare la vita delle persone
  2. Il digitale è connessione, scambio e cooperazione
  3. Scambio e cooperazione generano innovazione
  4. Innovazione è uso creativo di ciò che esiste già
  5. Il digitale è qui e ora.

La prima frase della candidatura cominciava così:

“We Help”. Questo è il motto scelto dall’Open BioMedical Initiative per rappresentare la sua missione e l’approccio al percorso intrapreso.
L’Open BioMedical Initiative (OBM Initiative) è un’iniziativa nonprofit globale di supporto alla Biomedica tradizionale, impegnata nello sviluppo collaborativo e nella distribuzione di tecnologie e dispositivi biomedicali in chiave low-cost, open source e stampabili in 3D. L’iniziativa è costituita da una community operativa, sostenuta e affiancata da un’associazione ONLUS Continue reading

Ti bastano i soldi Rebecca?

rebecca zamperini istambul postepay istudio

“Ti bastano i soldi Rebecca?
Ma certo, scherzi mamma? Con questi soldi a Istanbul ci vivevo dei mesi!”

Le ultime meravigliose parole di una giovane ragazza che con il suo zaino sta per partire per le sue prime vacanze da sola.
Ovvero, non partiva certo per la prima volta, in Turchia ci ha passato un anno della sua vita. È andata negli Stati Uniti, in Ungheria e a Barcellona con i suoi amici e in lungo e in largo per l’Italia. E ogni volta, quando è partita, ho sorriso nel vederla così seria e sicura di sé, pronta a conoscere il mondo con in tasca pochi soldi e tanta curiosità.

Ho sempre amato viaggiare ma non ho mai dato per certa la possibilità di poterla trasferire alle mie figlie. A diciassette anni sono corsa via da una famiglia che non poteva darmi più nulla emotivamente e culturalmente, con una determinazione che di cui, a ripensarci adesso, ancora non mi capacito. Poco più che ragazzina, ma mi sentivo forte e pronta per vivere le esperienze che mi sarebbero capitate… Continue reading